Comieco: doggy bag in mostra alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea a Roma

By on 26 giugno 2015

Il progetto contro lo spreco alimentare promosso dal Consorzio con Slow Food Italia fa parte dell’esposizione “Corporate art”, dedicata al rapporto tra arte e impresa, dal 26 giugno all’11 ottobre 2015.

Le confezioni d’autore del progetto “Doggy Bag – Se avanzo mangiatemi”, promosso daComieco in collaborazione con Slow Food Italia, sono state selezionate dalla commissione GNAM per far parte della mostra“Corporate Art”, accanto alle opere di artisti italiani ed internazionali che hanno interpretato negli anni il tema del legame tra l’opera d’arte e l’impresa, da Guttuso a Paladino, da Britto a David Harber.
La mostra è stata organizzata dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, in collaborazione con pptArt, prima piattaforma di crowdsourcing di arte, e con LUISS Creative Business Center, per valorizzare la relazione tra il mondo delle imprese e l’arte.
Comieco da sempre promuove comportamenti sostenibili. “Doggy Bag- Se Avanzo mangiatemi” è un progetto contro lo spreco alimentare all’insegna della creatività made in Italy, con una forte valenza sociale e culturale. Importanti esponenti della cultura italiana come l’arch. Michele De Lucchi e il prof.Andrea Kerbaker hanno coordinato un team di professionisti del livello dei designer Giulio Iacchetti, Matteo Ragni, Chiara Moreschi e Francesco Faccin e degli illustratori Olimpia Zagnoli, Beppe Giacobbe e Guido Scarabottolo. Agli artisti è stata commissionata la progettazione di tre diversi contenitori per cibi e bevande e la loro illustrazione, per rendere la” doggy bag” un vero e proprio oggetto d’autore.
Il contenitore per il cibo diventa così un prodotto alla base di una vera e propria rivoluzione culturale che coinvolge tutti gli attori della filiera alimentare, dallo chef al team del ristorante ai clienti i quali, forti della grande carica d’ironia e di umorismo di cui sono vestiti i contenitori per vino e alimenti, non dovranno più sentirsi in soggezione nel portare a casa quanto rimasto a fine pasto.

Grazie alla collaborazione con Slow Food Italia sono già 75 i ristoranti milanesi e lombardi che hanno già ricevuto gratuitamente un kit di contenitori.

Consulta l’elenco completo cliccando qui

 

 

Fonte: Comieco