Expossibile. Dieta Italiana in vetrina

By on 24 settembre 2015

di Andrea Mascaretti. Il Giorno, 24 settembre 2015. Se pensate che la Dieta Mediterranea rappresenti semplicemente un elenco di prodotti alimentari provenienti dall’area del Mediterraneo e il cui consumo, in qualsiasi quantità e combinazione, rappresenti un elisir di lunga vita, siete in errore. Si tratta invece di un vero e proprio stile di vita che l’UNESCO ha addirittura iscritto nella prestigiosa lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità.  La Dieta Mediterranea, dal punto di vista delle regole alimentari, è tra le più consigliate da dietologi e nutrizionisti costituita principalmente da olio di oliva, cereali, frutta fresca e verdure, nella quale le proteine animali rappresentano una componente importante, troppo spesso sottovalutata o trascurata.

I salumi ad esempio, di cui l’Italia è tra i principali produttori, vantando in questo settore un’antica tradizione e un eccellente livello di qualità del prodotto, sono spesso bersaglio di una disinformazione diffusa e vengono considerati buoni ma guardati con diffidenza, mentre invece possono rappresentare degli alleati preziosi per la nostra salute. Il prosciutto cotto, come tutti sanno, è un’ottima fonte di ferro e proteine e dunque è particolarmente utilizzato per sostenere le prime fasi di crescita dei bambini. Inoltre, il ferro derivato dalla carne è più facilmente assorbibile dal nostro organismo rispetto a  quello di provenienza vegetale.  Così carni, salumi, uova e pesce contribuiscono a garantire gli effetti benefici derivanti dalla Dieta Mediterranea, studiata per la prima volta nel dopoguerra dal fisiologo Ancel Keys, che individuò nello stile alimentare di una zona del Cilento, un modello di alimentazione per ridurre i rischi di malattie cardiovascolari, già allora molto diffuse negli Stati Uniti. Un’alimentazione semplice, povera, ma sana ed equilibrata, fatta di prodotti di qualità, utilizzati secondo le tradizioni della nostra cultura alimentare.

Oggi le migliori imprese italiane sono impegnate nella sfida di ridurre l’impatto ambientale e hanno avviato numerosi progetti per la sostenibilità della produzione, come il progetto Carni Sostenibili promosso dalle associazioni che rappresentano le filiere delle carni italiane.

Alla Dieta Mediterranea, che potremmo chiamare Dieta Italiana, si sarebbe potuto dedicare un Padiglione in Expo perché rappresenta un patrimonio per il nostro Paese ed è un’ottima ambasciatrice della nostra cultura, delle nostre tradizioni, della nostra produzione enogastronomica e del nostro stile di vita.

Expossibile 24 settembre 2015 dieta italiana in vetrina