Una cucina per le intolleranze alimentari. Mode vere e false in cucina e nuove responsabilità per i cuochi

By on 11 giugno 2015

14.06.2015 – ore 12.00, Padiglione Italia. L’animo contadino di un tempo si nutriva con pochi alimenti naturali, soprattutto a base vegetale, scanditi dalle stagioni con una economia attenta, senza sprechi. E quanto a rispetto, sapeva usare il cibo come prevenzione, rendeva buona la pietanza con poco, mangiava il giusto, il suo sapere alimentare non può essere messo in dubbio rispetto a come oggi gestiamo le nostre risorse.
Detto questo è bene chiarire che non siamo qui a proporre di tornare alle diete del passato anche se l’innovazione deve sempre essere concepita basandosi sulla migliore tradizione. Non dimentichiamo mai che i vantaggi della ricerca scientifica nutrizionale di oggi supera le perdite subite del sapere contadino.
Quello che si propone in questo dibattito è capire come non essere vittime di una moda alimentare che strumentalizza il sapere di una buona cucina vegetale e senza allergeni.
Il ruolo del nuovo cuoco professionale deve guidare questo cambiamento nelle tecniche e scienze della cucina con trasparenza, consapevolezza, etica e alta competenza.
Se il contadino di ieri avesse avuto a disposizione tutte le conoscenze e i mezzi di oggi cosa avrebbe potuto fare di meraviglioso?

 

Esperto: Raffaele Mancini , Chef e consulente di cucina
Provocatore: Maura Calliera,  OPERA – Università Cattolica del Sacro Cuore
Moderatore: Paola Romanò, Brand Manager , Cucina Nova
Coordinatori: Ettore Capri, Università Cattolica Sacro Cuore; Miriam Bisagni – PiaceCiboSano 

 

14 GIUGNO 2015, ORE 12,00

Luogo: Piazzetta Piacenza – Padiglione Italia – EXPO – Milano

 

caffexpo_12giu